Chi si occupa di logistica e trasporto merci con professionalità è consapevole che uno degli aspetti più importanti riguarda la gestione della propria flotta aziendale. Approfondiamo come organizzarla al meglio per garantire un servizio preciso, puntale ed efficiente.

Fleet management

La gestione del parco mezzi aziendali, o fleet management in inglese, è un’attività strategica fondamentale per un’azienda che opera nel settore dei trasporti.

Non è soltanto un semplice controllo sui propri camion, ma un’organizzazione a 360° che gestisce:

  • l’acquisizione e della dismissione dei mezzi;
  • i contratti e delle responsabilità civili della flotta;
  • la logistica dei mezzi e dei trasferimenti nei magazzini;
  • la manutenzione ordinaria e straordinaria dei mezzi;
  • la pianificazione delle missioni e delle spedizioni.

Chi si occupa della gestione della flotta aziendale? Il cosiddetto fleet manager.

Ha il compito di ottimizzare al meglio il nostro parco mezzi ed ogni singolo aspetto collegato ad esso, anche dal punto di vista economico: gli sprechi di tempo e denaro non sono consentiti, maggiormente in un campo che punta tutto su puntualità e precisione come quello dei trasporti.

Consigli sulla gestione flotta aziendale

Il manager che si occupa della gestione ha su di sè enormi responsabilità: GI.MA. TRANS organizza minuziosamente ogni singolo aspetto della sua flotta, vantando grande esperienza e professionalità.

Un sistema di nuova generazione della gestione di tutti i dati è la base da cui partono tutte le nostre valutazioni strategiche: carta e penna sono un ricordo, oggi è la tecnologia il nostro più grande supporto.

I gestionali sono fondamentali per assicurarsi della consistenza della flotta, in quanto permettono di controllare guasti, chilometraggi e l’avvicinarsi di scadenze o manutenzioni programmate.

Naturalmente, un piano di manutenzione è fondamentale per salvaguardare la propria flotta: controlli regolari sia delle motrici che dei rimorchi sono la chiave per risparmiare tempo e denaro. Prevenire è meglio che curare!

Pin It on Pinterest

Share This